5 ricette per il pane fatto in casa

5 ricette per il pane fatto in casa

La tradizione italiana nelle più famose ricette del pane fatto in casa

Il pane, per definizione un prodotto alimentare cotto a base di farina.
Le nostre 5 ricette per il pane fatto in casa vogliono rispettare questa semplice definizione, e per questo abbiano scelto 5 tipi di pane fra i più conosciuti della nostra penisola.

Sono circa 300 in Italia i tipi di pane e selezionarne 5 non è stato semplice, siamo sicuri che tutti i tipi di pane prodotto in Italia siano buonissimi e dalle caratteristiche uniche.

Un alimento importante sin dall’epoca neolitica, il pane è stato prodotto in varie forme utilizzando una varietà di ingredienti e metodi, sono passati quasi 12.000 anni da quando tritando in maniera grossolana il grano, mischiandolo con acqua ed adagiandolo probabilmente su pietre riscaldate è stato cotto il primo pane.
Da allora le ricette si sono evolute fino ad oggi permettendoci di selezionare per voi queste 5 ricette per il pane fatto in casa.

Sebbene il pane originariamente si basasse sulla lievitazione e fermentazione spontanea, i fornai nel corso dei secoli hanno imparato ad usare il lievito e successivamente sono stati inseriti una lunga serie di ingredienti e di tipi di farine dando vita a ricette locali uniche ed originali.

Se vuoi approfondire ed andare oltre le ricette che abbiamo selezionato per te puoi leggere i seguenti libri:


E se sei a corto di attrezzi da cucina è interessante scoprire questo Compra ora kit di utensili da panetteria che ti aiuterà nella preparazione e nella comprensione delle 5 ricette per il pane fatto in casa.

Ecco le 5 ricette per il pane fatto in casa che abbiamo selezionato per voi

  • Pane Cafone della Campania

    pane cafone

    La ricetta del Pane Cafone è antichissima, tipico del sud Italia e particolarmente dell’area Napoletana deriva il suo nome dalle origini contadine del prodotto perchè questo era l’alimento base di chi lavorava la terra, fatto di ingredienti semplici.

    Il segreto del Pane Cafone è la lunga levitazione, a fine cottura avrà una mollica alveolata e morbida e la crosta esterna dura, scura e croccante.

    Ingredienti:

    200 gr lievito madre rinfrescato
    600 gr farina di tipo “0”
    430 ml di acqua
    1 cucchiaino di miele
    15 gr di sale

    Preparazione:

    Lascia il lievito madre in acqua aggiungendo il cucchiaino di miele per quattro ore e poi completa questa prima fase sciogliendo il lievito.
    Inizia ad impastare aggiungendo 500 grammi di farina, per farlo usa un Compra ora elettrodomestico adatto allo scopo oppure a mano su una superfice di legno.

    Dopo 10 minuti aggiungi gli altri 100 grammi di farina, il sale e continua ad impastare almeno per 20 minuti fino a quando il composto non si staccherà dal piano di lavoro o dalle pareti dell’impastatrice.
    Avvolgi il composto in un telo di cucina e lascia riposare per 30 minuti. Dopo questa breve attesa stendi il prodotto su una superfice piana di legno leggermente infarinata a formare un quadrato, allargandolo dolcemente con le mani.

    Non devi allargarlo troppo, lo spessore deve essere di circa 2 centimetri. Fatto questo inizia a ripiegare i lati su se stesso come si fa con la pasta sfoglia, per farlo rivolta un lato verso il centro e poi fai la stessa cosa col lato opposto. Gira il panetto, riallargalo un pò e ripeti l’operazione.
    Questo serve per far si che la levitazione avvenga verso l’alto.

    Metti il panetto avvolto con un canovaccio dentro una ciotola e sigillala con della pellicola trasparente senza che prema troppo sull’impasto, devi dargli la possibilità di levitare e gonfiarsi.

    Attendi almeno 10 ore. Prendi il panetto a dagli una forma classica, magari piegando leggermente gli angoli verso il centro.
    Prepara una teglia adagiandoci sopra un foglia di carta da forno ed inforna il tutto a 250 gradi per 15 minuti. Dopo questo tempo abbassa la temperatura a 200 gradi e lascia in cottura per altri 40-45 minuti prima di poterlo servire e gustare in tavola.

  • Michetta o Rosetta della Lombardia

    michetta lombarda

    Tra le 5 ricette per il pane fatto in casa non poteva mancare quella della Michetta detta comunemente Rosetta.

    Pane tipico della Lombardia e della città di Milano deriva il suo nome dal termine “micca”, ossia briciola, la ricetta risale al periodo in cui Milano era sotto dominazione austriaca ed i fornai dovettero accontentare gli invasori producendo un panino a forma di rosa chiamato Kaisersemmel.

    A differenza però del prodotto fatto in Austria quello milanese soffriva l’umidità sgonfiandosi e quindi la ricetta originale fu modificata svuotando il prodotto della mollica interna e dando origine al pane che oggi tutti noi conosciamo.

    Ingredienti Biga:

    500 gr di farina “00”
    200 ml di acqua
    5 gr di lievito di birra

    Ingredienti impasto secondario:

    50 gr di farina “00”
    20 ml di acqua
    8 gr di sale
    5 gr di malto o zucchero

    Preparazione:

    Per preparare la Michetta occorre procedere con un preimpasto chiamato biga.
    Mischia gli ingredienti della biga e lavora l’impasto che deve risultare consistente e poco omogeneo. Avvolgi in un canovaccio e lascia riposare per 20 ore a 18 gradi, puoi usare l’interno del forno spento per mantenere una temperatura più omogenea.

    Dopo che la biga avrà lievitato uniscila al resto degli ingredianti impastando tutto insieme fino ad ottenre un prodotto omogeneo ed elastico.
    Dall’impasto formare tante palline da 50 grammi l’una. Ogni pallina va ristesa leggermente con il matterello facendo poca pressione e poi riformata la pallina almeno un paio di volte, questo serve per eliminare l’aria.

    Con un dito opera un buco in ogni pallina, senza arrivare sul fondo, e poi richiudilo unendo i bordi del buco stesso. Se l’operazione dovesse risultare difficoltosa a causa dell’impasto particolarmente asciutto inumidisciti le mani.

    Fai riposare le michette così formate per 2 ore. Dopo questo tempo devi dare la forma tipica della rosetta. Per farlo puoi usare un comune tagliamela. Premi dolcemente la pallina sul tagliamela fino ad ottenere il tipico motivo della rosetta.

    Una volta ottenuto il disegno lascia di nuovo riposare le palline per circa 90 minuti con il motivo stampato rivolto verso il basso.
    Porta la temperatura del forno alla massimo (250-280 gradi) ed inserisci, nella parte bassa, un pentolino con dell’acqua bollente per creare del vapore.

    Metti le michette in cottura su una teglia con carta forno con la parte decorata verso l’alto per poco meno di 10 minuti. Dopo questo tempo abbassa la temperatura a 180 gradi e continua fino a fine cottura cercando di non far uscire il vapore dal forno per circa 30 minuti.

  • Pane di Matera

    pane di matera

    Forma, consistenza e sapore unici. Sono questi i risultati della ricetta del pane di Matera prodotto nel lucano e risalente ai tempi del Regno di Napoli.

    Pane unico nel suo genere è uno dei simboli della città dei sassi. Non è certo facile seguire la ricetta originale, sopratutto nella lavorazione della forma, ma cercheremo umilmente di avvicinarci il più possibile a questo prodotto IGP originario della Basilicata.

    Ingredienti:

    600 gr Farina di grano duro (semola rimacinata)
    150 gr Lievito madre
    420 ml Acqua
    15 gr Sale

    Preparazione:

    Due ore prima di iniziare l’impasto inizia a far riposare il lievito madre.
    Versa in una ciotola tutta la farina ed i primi 370 ml di acqua e mescola senza impastare solo il tempo necessario affinchè la farina non avrà assorbito l’acqua.

    Copri la ciotola con della pellicola trasparente e fai riposare per 60 minuti. Trascorso questo tempo sciogli il lievito madre nei 50 ml di acqua rimanenti ed uniscilo al composto insieme al sale.

    Lavora fino a quando l’impasto risulterà liscio ed elastico, solitamente 15 minuti dovrebbero bastare. Riponi il composto in una ciotola coperto col la pellicola e lascia riposare per 30 minuti.
    Dopo questo tempo esegui delle pieghe in ciotola aprendo le estremità e richiudendole verso l’interno. Fai riposare e ripeti ogni 30 minuti per altre tre volte.

    Dopo gli ultimi 30 minuti stendi l’impasto senza usare il matterello a formare un piccolo rettangolo e piega la pasta dai 4 lati verso il centro, successivamente forma una palla e lasciare riposare 2 ore in una ciotola sempre con la pellicola.

    A questo punto il composto va trasferito in frigorifero dove dovrà passare tutta la notte o in ogni caso almeno 9/10 ore.

    La mattina dopo lascia l’impasto fuori dal frigo per almeno due ore prima di procedere alla piegatura. Metti il composto su un piano, stendilo delicatamente e piega i bordi fino ad ottenere la forma indicata in figura.

    lavorazione pane di matera

    Ripiega il composto su se stesso sul lato lungo ed applica con un coltello i tre tagli caratteristici in quella che sarà la cresta cioè la parte superiore del pane di Matera.

    Nel frattempo accendi il forno a 230 gradi con un pentolino di acqua sul fondo e lascia scaldare la teglia su cui andrà cotto il pane.

    Inforna e dopo 20 minuti di cottura abbassa la temperatura a 200 gradi per altri 20 minuti e poi a 180 per ulteriori 20 minuti col forno leggermente aperto. Se la cottura finale non fosse sufficiente prolunga l’ultima fase di 10-15 minuti.

  • Pane Toscano

    pane toscano

    Tra le 5 ricette per il pane fatto in casa non poteva mancare il pane Toscano, il pane sciapo per eccellenza, cioè senza sale, perfetto per dare risalto al sapore degli alimenti. La D.O.P. disciplina la ricetta chiedendo un impasto convenientemente lievitato, preparto con farina di grano tenero tipo 0, acqua e lievito naturale da non confondere col lievito madre.

    La tecnica della biga, cioè degli impasti da aggiungere al primario, è consentita, basta fare riposare la biga per almeno 8 ore.

    Ingredienti Biga:

    170 gr di farina di grano tenero tipo “0”
    120 ml di acqua
    1 gr di lievito di birra

    Ingredienti Impasto secondario:

    250 gr di farina
    125 ml d’acqua tiepida
    1 cucchiaio di olio di oliva

    Preparazione:

    Il giorno prima della cottura prepara la biga, cioè il preimpasto.
    Mescola in una ciotola la farina insieme al lievito ed aggiungi gradualmente l’acqua lavorando bene l’impasto per almeno 15 minuti fino ad ottenre un bel composto liscio senza grumi.

    Infarina una ciotola per riporre l’impasto e lascialo a lievitare per 2 ore a temperatura ambiente dopodichè trasferiscilo in frigorifero dove rimarrà fino al giorno dopo.

    La mattina dopo dividi l’impasto in 6/7 pezzi e mettili in una ciotola insieme all’acqua tiepida dell’impasto secondario e attendi 10 minuti.
    Inizia a reimpastare il composto aggiungendo gradualmente i 250 gr di farina rimanente per almeno 15 minuti, fatto ciò riponi il composto su un piano di legno a formare una palla, coprila con un telo e lasciala lievitare per un’ora e mezza.

    Dopo questo tempo allunga un po la palla per formare una pagnotta, la teglia da forno leggermente oleata va spolverata con della farina così come la pagnotta che va anche incisa in lungo con un coltello ben affilato.

    Copri il tutto e fai lievitare per altri 60 minuti. Nel frattempo porta il forno alla temperatura di 200 gradi e metti all’interno e sul fondo un pentolino pieno d’acqua. Inforna la per 30-40 minuti fino a doratura completa.

  • Pane casareccio di Genzano

    pane di genzano

    Nelle 5 ricette per il pane fatto in casa occupa un posto d’onore la ricetta originale del pane di Genzano IGP che prevede un doppio impasto ottenuto da farine di tipo zero o doppio zero, lievito naturale, sale e acqua.

    Prodotto dal genuino profumo di cereale che ricorda quello del granaio, lo stesso profumo di cui, fin dalle prime ore del mattino, erano invase le vie del paese, misto a quello del castagno con cui erano alimentati i forni.

    Fornito di crosta scura e consistente l’interno presenta una mollica occhiata color bianco avorio. Ricco di storia e tradizione è il pane tipico della provincia di Roma e del Lazio.

    Qui presentiamo una ricetta semplificata.

    Ingredienti:

    140 gr di licoli rinfrescato;
    355 gr di farina (50% tipo 1, 50% 0 w 260);
    245 ml di acqua.
    15 gr di sale

    Preparazione:

    Mischia preventivamente i due tipi di farina e prepara il primo impasto con 140 gr di licoli, 75 gr di farina e 100 ml di acqua.
    Copri il composto con un canovaccio e tieni a riposo a temperatura non fredda (circa 18 gradi) per 1 ora e mezza.

    Dopo questo tempo aggiungi il resto dell’acqua e della farina ed impasta per bene ricordando di aggiungere il sale.
    Metti a lievitare al caldo per 6/7 ore. Dal composto forma due filoni, avvolgili in due canovacci ben insemolati ed attendi un paio di ore per la nuova levitazione.

    Cucina a 220 gradi in forno preferibilmente su una pietra refrattaria preriscaldata per 15 minuti e poi prosegui la cottura per 40/50 minuti o fino a che il filone non presenta una colorazione scura.



I nostri consigli di lettura


E se sei a corto di attrezzi da cucina è interessante scoprire questo Compra ora kit di utensili da panetteria che ti aiuterà nella preparazione e nella comprensione delle ricette.

Se la cucina è la tua passione potresti anche approfondire l’argomento con interessanti letture e cercare di diventare un vero chef!

5 ricette per il pane fatto in casa
Categorie in evidenza
Le ultime novità
cucciolo di cane

Le 10 regole per educare un cucciolo di cane

Breve guida per insegnare al cucciolo le prime regole dell’educazione. L’arrivo di un cucciolo di cane in una casa è un evento importante, tuttavia l’integrazione di un animale nell’ambiente familiare

lampade

Lampade, un design moderno ma ricco di storia

Breve storia delle lampade. Fin dagli albori dell’umanità gli uomini hanno cercato di creare la luce e scacciare l’oscurità dalla loro vita.Le lampade hanno assunto, fin dalla antichità, forme d’arte

Le migliori 6 creme corpo rassodanti

Le migliori 6 creme corpo rassodanti

L’importanza di prendersi cura del proprio corpo. Perché le creme corpo rassodanti sono così importanti? La pelle con il passare del tempo tende a perdere elasticità e compattezza, alla radice

Tendenze
cosa è la cristalloterapia

Cosa è la cristalloterapia

Cristalli e gemme, tra storia e misticismo. Cosa c’era prima della cristalloterapia? I cristalli, probabilmente per la loro bellezza e complessità, hanno sempre esercitato un forte fascino sull’uomo e sono

oneplus 8 pro

OnePlus 8 Pro, recensione e prezzi

Una presenza ingombrante nella top gamma. Abbiamo già parlato di un prodotto della OnePlus, ma questa volta l’azienda cinese proprietà della BBK Electronics si è davvero superata. OnePlus 8 Pro

decoupage in 10 passi

Decoupage in 10 passi

Cosa è il decoupage? Il decoupage, dal francese découper, è una tecnica usata per decorare oggetti di vario genere e materiale, principalmente ed originariamente oggetti in legno. Nota fin dal

top ten italia

Top ten italia

le migliori 10 canzoni italiane del momento Nella classifica delle top ten Italia troviamo tutti i generi musicali per tutti i gusti, tra pop, rap e melodie tipicamente nostrane. Mesi

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli simili

i regali di natale

I regali di Natale

Idee originali per regali in tema col Natale per passare le feste con la stessa intensità di sempre. Come tutti gli anni il tempo passa

orto sul balcone

L’orto sul balcone

Sicuramente una delle idee a cui tutti abbiamo pensato almeno una volta è stata quella di creare l’orto sul balcone di casa. L’orto sul balcone,

i 10 migliori libri di ricette

I 10 migliori libri di ricette

Trovare conforto nella nostra cucina in questo difficile periodo con i 10 migliori libri di ricette Il 2020 è stato un anno eccezionale per la